Lo yoga del Respiro 

Quando si sposta l’attenzione sul respiro ci si rende subito conto dello stato di consapevolezza in cui ci si trova. Il respiro è un ponte fra il livello conscio della mente (mi rendo conto di…) e il livello inconscio che si annida nel corpo (agitazione, tensione, dolori, ecc.). 

Il corpo non mente ed è l’ultima fase, la concretizzazioni di aspetti mentali e emozionali che agiscono in modo meccanico e indisturbato. 

Le abitudini che ci portiamo dentro non sempre sono sane o funzionali, come per esempio: perdere la pazienza, agire con rabbia in modo non consono alla situazione, arrossire mentre si è difronte ad un pubblico, non addormentarsi se non grazie all’aiuto dei farmaci o portare avanti gli stessi dolori e contratture muscolari da stress per anni.  Il respiro può essere uno strumento che ti mette un contatto maggiore con il tuo spazio emozionale, o ti può rendere consapevole del tuo reale bisogno. 

Il respiro è la porta del qui ed ora!


La coscienza si potrebbe concepire come stratificata su diversi 'livelli', il respiro è l’aiuto che ti permette di passare dalla periferia (solitamente accompagnata da dispersione e sensazioni di poca sicurezza: mi sento perso)ed entrare sempre di più verso il centro.

Esiste un 'livello' che non è fisico, emozionale, mentale o energetico ma è il livello che si apre al di là del tempo: è il livello dell’essere. Il respiro viene utilizzato come tecnica per ricondurre la tua attenzione alla percezione di esistenza, che non è un concetto non è qualcosa alla quale ci si può arrivare con la mente, ma attraverso l’attenzione riportata sul respiro si può aumentale la tua capacità percettiva che ti aprirà ad un mare di informazioni che diventano via via sempre più sottili.


Puoi prenotare una lezione privata individuale o di gruppo chiamando il numero 3472484773 oppure puoi comodamente compilare qua sotto dove c'è scritto.

 
Iscriviti o richiedi informazioni