YOGA IN GRAVIDANDA 

Lo Yoga è un antico sistema di auto-cura. La parola sanscrita yoga significa unione. Il periodo della gravidanza è un momento particolare, attraverso il quale si sperimenta un unione fisica con il bambino. Lo yoga in gravidanza utilizza delle tecniche specifiche per rendere quest’unione vissuta a 360° grazie: allo sviluppo della capacità di rilassamento, la sensibilità nell’ascolto e la comprensione del cambiamento fisiologico e sottile dell’unione del proprio campo energetico con quello del bambino.

Il benessere psicofisico, la capacità di rilassamento, l’equilibrio emozionale sono aspetti fondamentali in un momento di grande cambiamento come lo è la gravidanza.

(Le lezioni di yoga in gravidanza vanno dal 3° fino al 9° mese di gravidanza). 

 


TECNICHE UTILIZZATE:

Yoga specifico per il periodo della gravidanza: aumentare la flessibilità è fondamentale per aiutare il corpo ad adattarsi al cambiamento in atto e evitare fastidiosi mal di schiena. Inoltre, alcuni specifici esercizi ti aiuteranno nel parto.

Inoltre in un corpo sano anche la mente è più stabile!

La meditazione: La meditazione ti permette di stabilire un contatto più profondo con il bambino e crea le basi per una mente stabile e ricca di pace. 

Tecniche di respirazione: una buona respirazione ti aiuta molto, non solo durante il parto, ma nella vita di tutti i giorni. Le tecniche di respirazione proposte durante il corso qui proposti sono morbide e prive di sforzo. Ti aiuteranno a sbloccare le tensioni e fisiche ed emotive. 


Le visualizzazioni:  esploreremo insieme il potere incredibile della mente, e grazie alle visualizzazioni scoprirai le tue risorse personali.

Nel rilassamento profondo il tuo corpo ritroverà in modo semplice e naturale il suo equilibrio.  



La musica utilizzata per il rilassamento profondo

Terapisti del suono e specialisti dello stress hanno lavorato con la casa di produzione Marconi Union per sviluppare Weightless, una delle canzoni scientificamente più rilassanti di sempre:

Weightless è stata composta utilizzando ritmi, toni, frequenze e intervalli specificamente scelti per far rilassare l’ascoltatore. Un ritmo continuo di 60BPM fa in modo che le onde cerebrali e il ritmo cardiaco entrino in sincronia con il ritmo del brano: un processo conosciuto come entrainment.

Gli studi sullo scan del cervello hanno mostrato che questa musica va ad agire a un livello molto profondo del cervello, stimolando le regioni adibite non solo all’elaborazione del suono, ma anche delle emozioni.

Contattami anche solo per informazioni: